Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Cosa avrà Michelle più di noi?
January 12, 2017
La mia intervista a Elisabetta Jankovic : ” Lo Sposo Africano”
April 10, 2017

Two hands making a heart shape

Salve.

Non so nemmeno da dove cominciare, sono presa dall’emozione. 
Beh che dire, incomincio dal principio ovvero che vorrei che la mia storia fosse pubblicata. Non mi aspetto molti lettori, alle volte tento ad essere anche noiosa ma perché non provare ? 
Sono contro l’ignoranza e il razzismo. 
Sono una ragazza di diciassette anni e mezzo del sud, e vivo in una famiglia in cui non c’è mai stato del razzismo, soprattutto mia madre che lei è molto contro al razzismo, ed è sempre stata dalla mia parte. 
Io non ho mai avuto un fidanzato prima, e avevo molte amiche ma non tutte erano delle vere amiche. 
Mi sentivo così sola ed incompresa.. ma un giorno ho conosciuto lui. 
Un ragazzo di colore, anche se a me non piace usare questo termine.. ma si dice comunque così, per me è un semplice ragazzo e basta. 
Un ragazzo che ha sfidato le sorti, la sua vita per arrivare qui in Italia. 
Si iscrisse nella mia scuola, ovvero l’alberghiero, e ogni tanto lo vedevo in cucina e notavo anche che lui mi fissava sempre.. ma io ero chiusa in me, pensavo che nessuno mai avesse potuto interessarsi a me, e quindi  pensavo ‘ Ma giusto a te deve guardare ? Forse sarà soltanto frutto della tua immaginazione !’ 
Le mie compagne nonché amiche, se ne erano accorte di questi sguardi lanciati da lui verso i miei confronti, e me lo dicevano pure.. Alcune di esse, l’avevano presa proprio bene altre invece un po’ meno. 
Prenderla male in questi casi, per me è segno di pochissima conoscenza e intelligenza.
Io le ignoravo, so che ero forse stata anche stupida ad ignorarle, ma.. non volevo crearmi problemi, non volevo litigare o anche discutere inutilmente. 
Ma un giorno arrivò che discutemmo, ma fu una semplice discussione, niente di grave, e si risolse per fortuna.
Il destino, o non so cos’altro.. volse che lui, quel ragazzo di colore, doveva essere mio compagno di classe e così fu. 
Io fui felice, non lo nego il fatto.. Ero in una classe nuova, tutto nuovo, nuovi compagni, nuovi professori, ed io sola come al solito.
Sono una ragazza che con le persone che non conosce, sono troppo timida e faccio fatica a legarmi alle persone.. ma quando ci tengo ad una persona e molto anche, sono pronta a tutto. 
Lui si sedeva vicino a me, mi parlava, e mi corteggiava. Pensavo che lo facesse per pena, verso i miei confronti. 
Non pensavo assolutamente di essere una ragazza attraente ed interessante.. ma so di essere comunque intelligente..  e non dico a livello scolastico, ma nella vita. 
Com’è e come non è, un giorno si dichiarò.. ed io rimasi proprio allibita. 
Dopo vari appuntamenti, uscite, e parlare molto per conoscerci entrambi, ci mettemmo insieme perché anch’io avevo capito di provare qualcosa di forte ed immaginabile verso i suoi confronti. 
Ora stiamo da un anno e 4 mesi, e siamo molto felici. Discutiamo sempre per il fatto che siamo molto diversi, e poi ci si mettono in mezzo alle volte le nostre culture diverse, le nostre usanze, le nostre religioni magari.. ma poi lasciamo entrambi liberi di fare quello che vogliamo,  ed è questo che ci permette di andarre,e avanti. 
Ho avuto molti problemi con le mie amiche, ho rinunciato ad una per il mio ragazzo ma sono comunque contenta e fiera perché è stata lei a non rispettare la mia scelta. 
Ogni volta che usciamo insieme, ci guardano come se fossimo dei delinquenti, dei mafiosi, dei spericolati che non sanno quel che fanno.. e invece no, perché noi lo sappiamo. Pensano anche che lui stia con me per acquisire la cittadinanza, e non è nemmeno questo perché lui è già da un bel po’ in Italia ed io non lo sposerò subito. So che ci sono coppie che si sposano per acquisire la cittadinanza, ma non è nel nostro caso. Lui non mi ha mai presa in giro, lui mi tiene sempre tra le sue braccia, ogni volta che non capisco un compito di matematica, di diritto o di alimenti si siede con me e sta tutto il pomeriggio a spiegarmelo.. e quando finiamo, mi da tanti baci. 
Lui è così dolce con me, fa sempre battute squallide alle volte, ma riesce comunque a strapparmi un sorriso.. Mi abbraccia sempre, e quasi ogni giorno fa di tutto per ballare con me anche se la musica non c’è, mi offre sempre del suo mangiare, anche se magari ha pochi soldi.. Quando sento freddo, mi stringe più forte in modo da non sentirne più. 
Ogni volta che guardiamo un bimbo piccolo, lui chiede il permesso ai genitori e lo coccola e poi viene verso di me e mi dice ” Non vedo l’ora di farne con te” , mi chiede ogni giorno come sto, se ho mangiato, come sia andata a scuola, alle volte sembra una mamma.. 
Quando litighiamo, una volta ogni tanto scoppia a piangere come un bambino, anche peggio.. 
Il suo sorriso mi illumina le giornate. 
 A me non importa se magari non mi ha fatto un anello ancora perché non ha molti soldi a sufficienza,  so che si sente impotente per questo e così ogni volta che usciamo mi chiede se voglio avere anche una maglietta o un vestitino comprato, costa molto meno di un anello e lui si sentirebbe meglio con se stesso, ma non c’è bisogno nei miei confronti perché io lo amo così com’è, nella gioia e nel dolore, in ricchezza e in povertà, in salute e in malattia. 
Mi sono fidanzata con un ragazzo di colore, che è il primo della scuola intera da tutti i suoi voti così alti, è molto intelligente, capisce le cose subito, sa molte lingue, ha lavorato grazie alla scuola. è uno dei primi ragazzi di colore che non si sono mai fermati, che hanno continuato a lottare e che stanno riuscendo a raggiungere il loro obiettivo. 
E’ più intelligente di me, non mi vergogno ad ammetterlo, so che è la verità e alle volte lo invidio. 
Si diplomerà con voti alti, e andrà a lavorare all’estero ed io sono così fiera di lui, così orgogliosa di parlare di lui. 
Lui mi rende viva, e per la prima  volta.. felice di vivere. 
Voglio dire anche che l’amore si sente nel cuore e non nella pelle dello stesso colore, del tuo stesso paese, della tua stessa cultura, ecc.
L’amore è universale..  Il detto ‘ Moglie e buoi dei paesi tuoi’ è proprio una scemenza, lo inventarono quelli stupidi che non sono mai andati a scuola, che non hanno mai fatto niente nella loro vita, che sono ignoranti e che non vogliono migliorare. 
Sono fiera del fatto che il mio ragazzo sia straniero e anche di colore, so che comporterà questo anche a dei momenti veramente di rabbia e di grande delusione da certe persone,  ma io non ho paura soprattutto in presenza del mio ragazzo, so che supereremo tutto insieme come abbiamo sempre fatto. 
” Ma si lava il tuo fidanzato ? Come l’hanno presa i tuoi genitori ? Ti lascia libera di vivere la tua religione ? Ma a te piace nero perché è super dotato, a te piacciono i c*****i neri, sei una puttana, rovinerai l’Italia così. Se farai dei figli con lui, porterai tante malattie nelle scuole e rovinerai un sacco di bambini, ecc.. ” 
Mi sono sentita dire queste frasi sempre, in mezzo alla strada da persone che non conoscevo, proprio estranee, e da persone che invece conosco. 
E sapete che cosa rispondo a queste persone ? Pensate come volete, ma io però sono felice, felice si.. nel vero senso della parola. E non cambierei mai la mia scelta.. Sono felice anche quando mi fanno queste domande, e magari certo mi incazzo sempre, ma comunque sono felice.. Sono felice di quando le persone ogni volta che vado al centro commerciale, o in qualunque altro posto, mi guardano male, mi guardano fissi su di me e sul mio ragazzo, e poi parlano tra di loro male di me..  e chiedono ‘ Ma come fa questa a stare con questo ? Ma che schifo quando si baciano, ha la pelle nera e lei sta con quello !? ‘ Li ho sentiti molte volte, dovunque e non mi stancherò ne ora e ne mai. Sono felice e lotterò sempre per i diritti civili di ognuno, perché in questo mondo schifoso siamo tutti uguali, tutti con un corpo anche diverso, ma perché Dio ci ha voluti così, Dio ci ha messo alla prova per confrontarci, e anche per sfidarci se noi fossimo stati intelligenti abbastanza da capire che non c’è e non è mai esistita nessuna diversità grave o importante tra tutte le persone al mondo tanto da rifiutarci ed odiarci. Non è mai esistita, questi problemi ce li creiamo noi e basta. 
Siamo ignoranti, o meglio dire siete ignoranti voi razzisti, che credete nella razza bianca.. Non esistono razze, non siamo cani ! 
Non provo nessun odio per queste persone, so che queste persone non lo fanno apposta, lo fanno perché sono state cresciute da persone altrettanto ignoranti, e infantili. Non provo nessun odio ne rancore, provo solo pena. 
Mi dispiace per questo mondo, sarebbe davvero stato un posto migliore se tutti noi avessimo imparato chiaramente ad accettarci con le nostre culture, usanze e costumi diversi. 
A queste persone rido in faccia, sempre ogni volta che esco e mi guardano ancora più arrabbiati e chi se ne frega !? 
La mia vita mica dipende da una fottuta società che confonde il bene con il male ed il male con il bene. 
Provo pena anche per persone famose come Trump, Salvini, ecc. Non hanno capito niente dell’amore, e della vita. 
I primi noi italiani siamo stranieri, abbiamo avuto nel nostro paese greci, arabi, francesi, inglesi.. Che ci hanno dato un po’ del loro per vivere al meglio, e anche noi siamo sparsi nel mondo, anche noi viaggiavamo e viaggiamo tuttora per emigrare all’estero in cerca di fortuna, tutti hanno parenti e amici italiani all’estero, e gli altri paesi ci hanno accolto adesso perché noi non dobbiamo fare lo stesso ? 
Siamo superiori ? La superiorità non esiste. Siete solo ignoranti.  
Essere superiori non implica l’odio e non avere rispetto verso la diversità. 
Io sono felice con lui, penso che sia questa l’essenza del vivere in una coppia indipendentemente se è mista o meno. 
Volevo dire queste parole, e basta. 
Da una ragazza felice. 

Comments are closed.

error: Content is protected !!