Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Che ne è stato delle frasi “ci sarò comunque vada”??

Razzismo online, l’Italia dichiara guerra a messaggi e predicatori d’odio
March 31, 2015
Coppie miste: “L’amore non conosce colore”, la storia di Erika (una di noi)
April 1, 2015

Cresciamo con l’idea che qualunque cosa che accadrà nella nostra vita ci saranno sempre i nostri genitori a proteggerci. Loro ci guideranno e ogni volta che cadremo saranno proprio loro ad attutire il  colpo..

Ho fatto questa premessa perchè anche a me è stato insegnato così.. Anche io ho pensato che qualunque cosa mi fosse accaduta nella vita ci sarebbero stati i miei genitori a sollevarmi…

Mi occupo di questioni di immigrazione da circa otto anni e ogni volta puntualmente ho sentito storie di ragazze che non solo avevano intrapreso una guerra contro la burocrazia ma anche e soprattutto contro i propri genitori o i genitori del proprio compagno.

Così anche io mi sono fatta una mia idea: i più grandi problemi di una coppia mista sono : 1)la burocrazia 2) la famiglia 3) il razzismo e i pregiudizi…

La domanda che mi viene più semplice da pormi: ma quei genitori che avrebbero dovuto sostenere, proteggere e sollevare che fine hanno fatto??

Che ne è stato delle frasi ” ci sarò comunque vada”??

Assisto a vere e proprie guerre senza esclusioni di colpi: mi scrivono ragazze inviandomi le loro foto con il loro amore a colori ma pregandomi di non pubblicarle perchè i genitori le “ucciderebbero”.. perchè “i genitori non capirebbero”, perchè “i genitori le potrebbero cacciare di casa” ..Ragazze piene di ansia che non fanno altro che trovare il modo per poter nascondere una persona o addirittura mentire sull’esistenza di una persona.

Ce ne sono altre che si trovano a metà tra il loro amore e i genitori.. così cercano di giostrarsi, cercano un modo per non scontentare nessuno: parlerò  dopo alla mia famiglia, gliene parlerò quando sarò certa che potranno capire..

Alcune ahimè mentono o non riusciranno mai ad affrontare le figure genitoriali.

Io credo che alla base di tutto ciò ci sia una scarsa stima nelle facoltà di scelta del proprio figlio.  E’ vero viviamo in una situazione economica che di certo non aiuta ma non si può valutare la vita della propria figlia in base al valore monetario che un suo eventuale matrimonio potrà avere . Ci si innamora punto. Nessuno sa il perchè e nessuno potrà mai spiegare perchè Anna può amare un cinese e Giovanna un africano: è la vita !

Ciò che mi infastidisce è che i genitori non dovrebbero trattare i figli come proprietà: nel senso che per il sol fatto di averli messo al mondo non possono decidere della loro vita : possono indicarla non pretendere di prendere decisioni al posto dei figli.

Io vorrei davvero fare un appello a tutti i genitori: Non fate vivere i vostri figli in un inferno solo perchè non approvate le loro relazioni: date almeno il beneficio del dubbio! Si metterà in moto un meccanismo di risentimento, bugie, rancore, rabbia che non finirà mai.

Dovete essere felici se i vostri figli sono felici e non importa se la vostra vicina di casa sparlerà di voi che non siete stati bravi genitori perchè vostra figlia ha deciso di stare con un africano!

Amare una persona vuol dire prima di tutto essere felice per l’altrui felicità: non potete pretendere di decidere voi per la felicità di qualcun altro.. non è naturale , è ingiusto. Lasciate che i vostri figli vivano la loro vita ma lasciateglielo fare con il sorriso non con un muso che vi arriva fino a  terra anche perchè i primi a soffrirne sarete voi: dividerete la vostra famiglia, non la unirete mai.

E se cadranno? se sbaglieranno??

Ci sarete Voi con il vostro amore perchè essere genitori vuol dire questo: indicare la strada non imporla.

Comments are closed.

error: Content is protected !!