Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Razzismo online, l’Italia dichiara guerra a messaggi e predicatori d’odio

Il coraggio delle donne .. che sorpresa!
March 27, 2015
Che ne è stato delle frasi “ci sarò comunque vada”??
March 31, 2015

Il governo ha approvato il ddl di ratifica del protocollo addizionale sul Cyber crime. Più strumenti contro la propaganda, gli insulti, le minacce e il negazionismo

Roma – 30 marzo 2015 – Internet e i social media hanno fornito ai razzisti nuovi territori di conquista, dove possono lanciare i loro messaggi d’odio rimanendo tranquillamente seduti dietro il monitor di un pc.

Un insulto lasciato sotto un articolo online o un intero sito web, un post su facebook, un tweet o un ragionato intervento in un forum, vengono amplificati e si moltiplicano online, allargando a dismisura la loro portata. È per questo che finalmente anche l’Italia ha deciso di dotarsi di strumenti più efficaci per contrastarli e per punire i loro autori.

Venerdì scorso il Consiglio dei Ministri, su proposta del titolare degli Esteri Paolo Gentiloni, ha approvato un disegno di legge per ratificare e dare esecuzione al Protocollo addizionale alla convenzione del Consiglio d’Europa sulla criminalità informatica.

Il testo è stato adottato a Strasburgo nell’ormai lontano 28 gennaio 2003, e riguarda proprio la criminalizzazione, quindi la possibilità di far scattare sanzioni penali, per gli atti di razzismo e xenofobia commessi a mezzo di sistemi informatici. L’Italia lo ha firmato il 9 novembre 2011, ma ancora non ha ratificato.

“Il Protocollo – spiega il governo – determina un’estensione della portata della Convenzione sulla Criminalità informatica comprese le sue disposizioni di cooperazione procedurali ed internazionali, per includervi i reati legati alla propaganda a sfondo razzistico o xenofobo. In tal modo, oltre ad armonizzare gli elementi giuridici reali di tali atti, esso intende fornire alla Parti la possibilità di utilizzare i mezzi e le vie della cooperazione internazionale stabiliti nella Convenzione in questo campo”.

Oltre a definire in cosa consiste il materiale razzista e xenofobo, il protocollo determina le condotte che prevedono l’incriminazione. Tra queste ci sono: “diffusione di materiale razzista e xenofobo per il tramite di sistemi informatici, minaccia con motivazione razzista e xenofoba, insulto con motivazione razzista e xenofoba, negazione, minimizzazione palese, approvazione o giustificazione del genocidio o dei crimini contro l’umanità, aiuto e complicità”.

Comments are closed.

error: Content is protected !!