Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
L’importanza di essere Half
March 20, 2015
Un amore Bollywood
March 21, 2015

….L’india è stupenda, io l’ho sempre amata. Adoravo i film, i colori, la cultura, i monumenti, tutto!

Me ne sn appassionata ancora di più quando hanno iniziato a trasmettere film Bollywood in Italia penso intorno al 2008/2009.

Onestamente prima di partire le persone mi facevano sempre sentire male xkè sapendo ke l’India è un paese dove c’è anche tanta povertà pensavano che potessi contrarre tt le malattie di qst mondo. Io non ho fatto ne vaccini ne nnt prima di andare e onestamente in 3 settimane nn ho nemmeno avuto un giorno di gastroenterite. Ovviamente sapevo dove andavo e sapevo cm viveva mia suocera. (E sn stata mlt attenta)

Ad ogni modo l’india nn è solo povera, sporca, maleodorante etc… L’india è un insieme di colori, sensazioni, profumi ed esperienze indimenticabili ed io nn vedo l’ora di ritornare! La famiglia del mio fid è induista e lui un giorno mi disse… l’induismo non è solo una religione, l’induismo è uno stile di vita. La vita in india se pur difficile è molto semplice, la gente nn ti giudica se prima di uscire non metti il vestito migliore ke hai, se nn ti pettini o trucchi. A loro non interessa! Ti sorridono sempre e sono sempre molto ospitali. Posso solo dirti ke in 3 settimane nn mi è mancata nemmeno 1 vlt la mia famiglia ed io mi sn sentita cm a casa mia. I miei suoceri sono stati qualcs di indescrivibile.

Loro sono moto moderni (le due cugine femmine hanno fatto un matrimonio d’amore e non combinato). L’india sta cambiando nnt era come immaginano, tutto è stato più bello delle mie aspettative. L’unica cosa negativa …è troppo lontana e nn posso andarci tt le vlt ke mi manca  (Ovviamente avrà anke i suoi lati negativi, ma tutto nella vita ha pro e contro)

Io e il mio fid ci siamo conosciuti tramite un amico, noi oltre ad essere una coppia mista siamo anche una coppia che vive una relazione a distanza. Io sono di Napoli, lui si è laureato e lavora a Torino.

Un mio amico di università aveva un amico in “classe” col mio fid ed è x qst che ci siamo conosciuti. A causa della distanza la nostra conoscenza è avvenuta tramite fb,wzp e telefonate x ben 9 mesi prima di rincontrarci e decidere di metterci insieme. Lui è stato il primo uomo della mia vita e l’ho scelto prp perché grazie alla sua cultura ha saputo comprendere le mie idee e i miei valori, e soprattutto mi ha accettato x qll che ero senza desiderare nulla in più di qll che potevo dargli.

Lui nn si aspettava che io sapessi tutto sulla sua cultura, e all’inizio fu mlt sorpreso e divertito! Ancora oggi si sorprende quando parlando con amici, io sono più in grado di lui nello spiegare cose della sua cultura e soddisfare la curiosità delle persone! xD ahahah

Mia madre ha sempre saputo di lui e l’unica cosa che mi disse è stata :” se hai scelto lui vuol dire che deve essere una persona speciale ed è per questo che hai la mia benedizione” . Lei non mi aveva mai visto parlare di ragazzi prima di allora e sapeva che nn avevo mai avuto nessuno quindi capì che se a 22 anni con una certa maturità avevo scelto lui, lui doveva essere mlt speciale.

(Ora mia madre e mio padre sono perdutamente innamorati di lui come i suoi genitori di me)

La sua famiglia ha scoperto di me dopo un anno e mezzo quando lui tornò in India x il matrimonio della cugina, xke il nonno gli voleva combinare un matrimonio e lui gli disse ke aveva già trovato la donna giusta x lui. Il padre volle conoscermi ed iniziammo a parlare tramite wzp. Dopo qualche mese gli dissi che mi dispiaceva se il figlio l’avesse deluso xke nn ero indiana e lui mi rispose: “Non sono deluso affatto, io amo profondamente i miei figli e voglio la loro felicità! Se tu sei la felicità di mio figlio sarai anche la felicità della nostra famiglia! Non voglio una ragazza indiana x lui, noi vogliamo te Beta (figliola in hindi). Tu ora x me sei come una figlia, tra te e la mia vera figlia non ci saranno distinzioni.”

Da lì è iniziata la mia storia d’amore anke con la sua famiglia. Sono profondamente innamorata del padre e della madre, ma ho un rapporto più stretto col padre per il semplice fatto che la madre non parlando mlt bene l’inglese non riusciamo ancora a comunicare tanto. (Sento il padre tutti i giorni da quando ci ho parlato x la prima vlt)

Ti dico una cosa… non mi sn mai sentita come una coppia mista. E’ la gente che ci fa sentire tali. Io ho amato lui come persona fin dall’inizio. E’ un ragazzo moderno, come anche la sua famiglia, hanno viaggiato e vissuto anche in altri paesi (il padre ingegnere chimico lavora in Arabia, la madre e la sorella in india xkè la sorella studia ancora) quindi io non ho mai sentito la differenza di cultura, anzi! Spesso lui mi dice ke sono più antica delle sorelle! ahahahah

Almeno x quanto mi riguarda io vengo da una famiglia del sud molto tradizionalista e quindi comprendo tt le loro tradizioni xkè sono quasi le stesse ke mia madre aveva ai suoi tempi.

Ad ogni modo oggi siamo qui a quasi 4 anni (i più belli della mia vita) e non vedo l’ora di potermi sposare e creare una famiglia multiculturale e piena di amore. Non sono mai stata spaventata delle differenze culturali noi abbiamo sempre combattuto x stare insieme anche a causa della lontananza, non me ne mai fregato del giudizio della gente xkè x me era importante solo qll della mia famiglia e della sua, l’unica cosa di cui sono preoccupata e la burocrazia quando decideremo di sposarci. Ma supereremo anche quello.

Ad ogni modo io credo fortemente una cosa, e’ facile amare e relazionarsi con persone della nostra cultura,religione e nazionalità xkè si hanno tante cose in comune, ma quando succede che un uomo/donna che viene dall’altra parte del mondo è perfetto x te ed ha così tanto in comune con la tua persona, tanto da abbattere tutte le diversità di cultura, religione, lingua etc… beh io penso che quello sia il vero amore della vita, l’anima gemella, quel perfetto incastro che ti completa.

Io sono molto religiosa anche se nn sono praticante, e x praticante intendo nn vado in chiesa etc etc,ma cerco di fare sempre la cosa giusta e nn offendere o ferire il prossimo! (Kredo nel karma!) Io nn cambierei la mia religione e nn vorrei mai che lo facesse il mio fid x me! Amare nn significa trascinare l’altro dalla sua parte significa amarlo così cm é,non renderlo uguale a noi. Sono dell’idea che in qualunque religione Dio sia sinonimo di amore,pace,fratellanza e speranza. Mai violenza! Chi fa violenza in nome di Dio é solo uno squilibrato mentale che usa Dio come giustificazione allo scempio che commette! Dio é unico! Puoi chiamarlo come ti pare, non m’importa quello che é importante é amarlo e amare gli altri come te stesso. É un Po come le lingue ad esempio…la finestra o la chiami finestra o window o in qualunque altra lingua del mondo il significato non cambia! Se mai avremo dei figli gli trasmetterò entrambi le culture e religioni. Poi da grandi decideranno cosa fare. Quando sono andata in India i miei suoceri mi dissero che se nn volevo potevo nn entrare nei templi. Io sono voluta entrare e pregare a Loro modo. Cambiava la forma della preghiera,le parole,ma il contenuto era sempre lo stesso… PACE e AMORE!!! Non m’importava dove ero e quale fosse la statua difronte a me io stavo pregavo Dio qualunque fosse il suo nome! Forse sarò completamente pazza, ma la vedo così! Penso che solo quando si capirà questo e si smetterà di creare “competizioni”tra religioni il mondo potrà finalmente vivere in pace! Vivi e lascia vivere.

Scusami se sono stata molto logorroica e ho scritto un libro invece che limitarmi a rispondere alla tua domanda. Ma mi reputo fortunata e sn orgogliosa di avere una storia così speciale quasi da film; e cm ho letto sulla tua pagina è vero… le coppie miste vivono emozioni diverse e più forti delle altre, forse perchè le difficoltà e le diversità le uniscono e le rendono più forti!!! Altra cosa prima di completare… io sono fermamente convinta che tutto questo è possibile solo se tra le due persone e famiglie ci sia un profondo rispetto per le rispettive culture. Che nessuno dei due voglia cambiare l’altro o imporre la propria (a meno che non sia l’altro a decidere di convertirsi etc) e che ci sia sempre equilibrio, amore, sincerità e ripeto tanto tanto RISPETTO!

Scusa ancora se mi sono dilungata troppo, con affetto.

 Luisa

Comments are closed.

error: Content is protected !!